OSAS e russamento in odontoiatria

Vota questo articolo
(0 Voti)

               Nella giornata di sabato 31 maggio il Prof. Luca Levrini ha intrattenuto una platea di 20 professionisti su un tema estremamente importante: OSAS (Obstructive Sleep Apnea Syndrome) e russamento in odontoiatria.

               Il relatore, con la maestria che lo caratterizza, ha saputo trasmettere concetti di grande importanza per l’odontoiatra, primo fra tutti il grande numero di persone che soffrono anche in modo inconsapevole, per un sonno non appropriato o quantomeno disturbato dal russare o peggio da frequenti apnee notturne. La sintomatologia è facilmente indagabile con pochissime domande durante la fase di raccolta dei dati anamnestici in quanto data essenzialmente da una costante stanchezza durante il giorno e da un disagio interpersonale. Stando alle informazioni bibliografiche raccolte, un sonno disturbato potrebbe ridurre di 10 anni l’aspettativa di vita. Queste considerazioni permettono di capire come OSAS e russamento rappresentino una patologia a cui il medico è tenuto a porre rimedio.

                Come è ovvio, ci sono differenti livelli di patologia OSAS; questi vengono distinti in Lieve, Medio e Grave. Non entriamo nel merito di come distinguere i differenti stadi che dipendono dalla frequenza delle OSAS e dalla saturazione d’ossigeno, non è nostro compito, ma desideriamo sottolineare come gli odontoiatri possano essere le staffette di questo fenomeno che interessa 1 paziente ogni 4 di cui il 25% soffrono di una patologia grave.

                Il Prof. Levrini è entrato nei dettagli descrivendo e dando indicazioni di come approfondire in modo semplice il quadro clinico di un paziente che abbia dichiarato di essere stanco durante il giorno e di essere conscio di russare. L’utilizzo di specifici moduli preformati da compilare ed un’attenta osservazione dello stato del paziente (valutazione massa corporea, bruxismo, reflusso gastroesofageo, usure, circonferenza del collo, masticazione in II classe, …. ) possono aiutare ad individuare il paziente patologico o più semplicemente a rischio.

                Più volte abbiamo sentito ripetere che un professionista che individua questa situazione, “deve fare” e l’odontoiatra si può prender cura con grande responsabilità dei pazienti lievi e medi mediante la realizzazione di OA (Oral Appliance). Senza entrare nel merito dei possibili strumenti di indagine e di terapia per altro molto semplici, desideriamo trasmettere una serie di considerazioni che nel momento odontoiatrico odierno rappresentano una potenzialità di crescita, di sviluppo e di distinzione:

-          c’è ancora una scarsa consapevolezza del problema e delle facili soluzioni

-          la popolazione che consciamente o inconsciamente necessita di terapia è molto ampia

-          il paziente consapevole del problema difficilmente si rivolge direttamente all’odontoiatra

-          l’odontoiatra che si occupi di OSAS e russamento può instaurare importanti rapporti di collaborazione con medici specialisti quali l’otorino-laringoiatra, il pneumologo, il cardiologo ed altri

-          OSAS e russamento sono un problema sociale per il quale l’odontoiatra può essere la prima staffetta

Riteniamo che l’odontoiatra di oggi debba conoscere ed approfondire questo tema sia per l’importanza sociale che ha e sia perché rappresenta una nuova strada da percorrere inserendo nuovi trattamenti nel processo routinario dello studio.

        Applaudiamo alla chiarezza e alla capacità di coinvolgimento del Prof. Luca Levrini che ha saputo tener desta la platea per tutta la giornata e non ce ne voglia il Professore, riteniamo doveroso un plauso alla struttura GLAD che si occupa di diffondere formazione su temi di assoluta attualità con competenza ed eccellente capacità organizzativa.

Riferimenti utili:

LAVIGNE-CISTULLI-SMITH

MEDICINA DEL SONNO PER ODONTOIATRI; analisi pratica a cura di Luca Levrini

Quintessenza Edizioni., 2011

GLAD:                                   www.gladschool.it

                                            info@gladschool.it

Ultima modifica il Mercoledì, 25 Novembre 2015 14:50 Letto 1995 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
Umberto Campaner

Da più di trent’anni nel settore dentale, ha maturato esperienze in qualità di agente di vendita, di Product Manager, di Product Specialist e di Responsabile Scientifico presso importanti strutture nazionali e multinazionali. Si è sempre occupato personalmente di formazione e dell’organizzazione di corsi coinvolgendo Opinion Leader nazionali ed internazionali.